Sheer Heart Attack

Sheer Heart Attack post thumbnail image

Storia dell’albumRecording SessionThe VaultPubblicazioniSingoliAward


Sheer Heart Attack è il terzo album della band ed è stato pubblicato nel Regno Unito l’8 Novembre del 1974 dalla EMI. Negli USA fu pubblicato dalla Elektra Records qualche giorno dopo, il 12 per l’esattezza, ed è stato il primo album dei Queen a entrare nella top 20 degli Stati Uniti, raggiungendo il numero 12 nel 1975. L’album è stato riconosciuto per contenere “una ricchezza di eccezionali brani hard rock“. Retrospettivamente, è stato elencato da più pubblicazioni come uno dei migliori lavori della band ed è stato considerato un album glam rock essenziale.

Dopo aver completato il loro secondo album, il gruppo ha intrapreso il Queen II Tour come gruppo spalla dei più quotati Mott the Hoople. Fecero un lungo tour in tutto il Regno Unito, e poi partirono per gli Stati Uniti, in quello che fu il primo tour americano dei Queen. Le due band rimasero in rapporti amichevoli per il resto della loro carriera, con Ian Hunter che eseguì “All the Young Dudes” al Freddie Mercury Tribute Concert nel 1992.

Il primo concerto di questa leg americana fu il 16 aprile a Denver, in Colorado. Tutto stava girando bene per Mercury e soci, ma al culmine della tournée a New York, si scoprì che Brian May soffriva di epatite, probabilmente a causa dell’uso di un ago contaminato durante le vaccinazioni che il gruppo aveva ricevuto prima di recarsi in Australia. Il resto del tour fu cancellato ed i Queen tornarono in patria mesti e dovettero rimandare la loro conquista dell’America. May fu ricoverato in ospedale.

A giugno, la band si è riunita ai Trident Studios per iniziare a provare il materiale per il nuovo album. Koh Hasebe ha intervistato Mercury, Taylor e Deacon mentre stavano provando il 13 giugno. All’inizio di luglio, May si unì a loro per le prove. La band si trasferì ai Rockfield Studios in Galles e registrarono una decina di basi musicali, finendo il 28 luglio. All’inizio di agosto, si spostarono ai Wessex Sound Studios ma Brian non si sentiva a suo agio e si recò in una clinica specialistica. Aveva un’ulcera allo stomaco e sarebbe stato operato il giorno successivo, ma sarebbe stato dimesso dall’ospedale in poco tempo in modo da poter riprendersi a casa.

Mentre la band stava sovra incidendo ai Wessex, Brian prenotò gli AIR Studios e registrò “Dear Friends” e “She Makes Me”. Nel frattempo, Roger e John hanno fatto un’apparizione a un Motor Rally della EMI l’11 agosto. Alla fine del mese la band era di nuovo riunita in studio per completare le due tracce create da Brian. C’era ancora una canzone che doveva essere terminata: Now I’m Here.

Il mixaggio dell’album iniziò a metà settembre ma la band non era soddisfatta di ciò che aveva registrato e stava ancora finendo le varie sovra incisioni. La leggenda narra che avevano assunto qualcuno per portare i nastri, da uno studio all’altro, via motocicletta. Il grosso del missaggio finale si è svolto ai Trident Studios di Londra e la maggior parte delle canzoni sono state mixate in circa uno o due giorni, altre, come Brighton Rock, in quattro giorni. Durante il periodo di novantasei ore sono state create sei ore di mix. Ogni canzone è stata tagliata in piccole sezioni della durata di circa quindici o venti secondi questo perché ai Trident avevano appena installato una macchina a 24 piste e l’album è stato il primo progetto ad usare le 24 tracce.

Bring Back That Leroy Brown, ad esempio, aveva 70 tracce vocali e si è dovuto adattare al mixer a 24 tracce. Durante questo periodo, il 20 settembre, è stato annunciato che la band avrebbe pubblicato il terzo album il 1 ° novembre. Il 22 ottobre, la band ha mixato l’ultimo brano: Now I’m Here. Per questo album i Queen utilizzarono ben quattro diversi studi, pazzesco!

L’album si allontana notevolmente dai temi del rock progressivo dei suoi predecessori, ed è stato classificato come hard rock e glam rock da avrie riviste specializzate di settore. Il Daily Vault lo ha descritto come “un importante album di transizione” perché mostrava “ciò che la band sarebbe presto diventata facendo un cenno al loro passato hard-rock“, mentre Stephen Thomas Erlewine di Allmusic ha osservato che sebbene ci siano ancora riferimenti ai temi fantasy dei loro primi lavori, in particolare in “In the Lap of the Gods” e “Lily of the Valley”, “la fantasia non travolge come nei primi due dischi“.

“Killer Queen” è stato scritto in una sola notte, il che contrasta con le “età” necessarie per scrivere “The March of the Black Queen” come diceva Mercury, mentre John Deacon scriveva la sua primissima canzone, “Misfire “. “Brighton Rock” è stato scritto durante la realizzazione di Queen II, “Stone Cold Crazy” ha avuto la sua genesi nella band pre-Queen di Mercury, Wreckage, e lo stesso Freddie aveva scritto “Flick of the Wrist” durante l’assenza di May. Sheer Heart Attack è stato anche il primo album in cui tutti e quattro i membri della band hanno contribuito con qualche canzone; “Stone Cold Crazy” è stata la prima canzone in cui tutti e quattro i membri della band avrebbero ricevuto un credito di scrittura.

NME ha scritto: ‘Una festa. Nessun paracadute e quattro canzoni fenomenali: “Killer Queen”, “Flick of the Wrist”, “Now I’m Here” e “In the Lap of the Gods … Revisited”.

La Winnipeg Free Press ha elogiato “la chitarra multitraccia di Brian May, la straordinaria vocalizzazione di Freddie Mercury e il lavoro di produzione dinamico di Roy Thomas Baker“, definendo l’album “un attacco a tutti i sensi senza esclusione di colpi e su vasta scala“.

Circus scriveva che “forse era l’assalto più pesante e rock a cui abbiamo assistito da un po’ di tempo“.

Rolling Stone ha scritto: “Se è difficile amarlo, è difficile non amarlo: questa band è abile, dopotutto, e osa.

John Mendelsohn non è rimasto impressionato, scrivendo: “Ho cercato dappertutto su entrambi i lati di quest’ultimo album un qualcosa, qualsiasi cosa, anche lontanamente magnifica come “Keep Yourself Alive” o “Father to Son”, solo per finire con le orecchie vuote e gridare.” Forse un po’ esagerato, ma con i Queen era spesso così: o si amavano o si odiavano. A pensarci bene, anche oggi, nel 2021, ci sono ancora due frange contrapposte.

Al termine del 1974, l’album fu classificato da Disc come il terzo migliore dell’anno e lo piazzò al 24esimo posto su 60.

AllMusic in seguito disse che “la teatralità fa parte della nostra vita ormai. Questa teatralità, combinata con le chitarre pesanti ed i ganci pop, segna la vera rivelazione dei Queen, facendo di Sheer Heart Attack il momento in cui sono entrati veramente in proprio.

Q ha chiamato il disco “indispensabile” e “una delle grandi miscele pop / rock degli anni ’70“.

Pitchfork ha scritto: “Sheer Heart Attack non solo migliora ogni aspetto del loro suono suggerito dai primi due dischi, ma offre alcune delle migliori musiche della loro carriera… questa è la band all’apice del suo potere

Jon Bryan dei Backseat Mafia lo ha descritto come “il primo album in cui i Queen hanno indiscutibilmente azzeccato tutto, e che la loro arroganza si adattava benissimo alla band.

Benjamin Ray del Daily Vault ha ritenuto che “i Queen riescano in qualche modo a suonare come ogni gruppo rock degli anni ’70 in questo album, inclusi Rush, Zeppelin e persino Uriah Heep. Ma i Queen in realtà cercano di essere pretenziosi e roboanti, e spesso sono così esagerati che non si può fare a meno di essere intrattenuti dalla loro musica. Sheer Heart Attack è il loro più divertente lavoro e mette in mostra tutto ciò che hanno fatto fino ad ora.

La BBC ha scritto: “hanno esteso i metodi di produzione contemporanei al limite con voci e chitarre a più livelli e la vena vaudevilliana di Freddie è finalmente emersa… questo è stato l’album che ha finalmente visto i Queen trovare la loro vera voce.

Lo storico del rock Paul Fowles ha scritto in ‘A Concise History of Rock Music’ che Sheer Heart Attack “ha visto la band concentrarsi sempre più sulla figura di culto emergente di Mercury e sul suo marchio unico di teatro rock“.


Storia dell’albumRecording SessionThe VaultPubblicazioniSingoliAward